Cosa vuol dire validare un sito web?

Scritto da Gianluca il 19 gennaio 2010 in Guide



Sostanzialmente, validare un sito web vuol dire assicurarsi che esso sia scritto e sviluppato in modo corretto: questo per faovrire una migliore compatibilità con tutti i principali browser web in circolazione.

Purtroppo, la maggior parte dei siti, anche quelli realizzati da web designer professionisti e da web agency, non vengono validati; in poche parole, il codice html (o xhtml) di questi siti non rispetta gli standard imposti dal consorzio W3C.

Questo capita perchè spesso il codice dei siti web viene scritto con editor tipo FrontPage di Microsoft o Dreamweaver di Adobe e non viene corretto dagli sviluppatori, tutto questo per risparmiare tempo.

Chi vuole un sito di qualità, però, dovrebbe richiedere al proprio programmatore di validare il sito web.

Per controllare se un sito rispetta gli standard del W3C, può effettuare il test di validazione andando sul sito dell’organizzazione W3C (http://validator.w3.org/), inserire l’Url del sito in questione nel campo “Address“, cliccare sul pulsante “Check” ed attendere il risultato.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Appassionato di informatica fin da piccolo, sono uno dei fondatori di Zaniah. Attualmente, oltre ad amministrare l'azienda, mi occupo di sviluppo web e search engine marketing (SEM).

1 commento


  • Web Agency Net Progetti il 10 maggio 2011 scrive:

    Questo perché purtroppo il cliente spesso non ha la preparazione adatta per capire cosa sia un sito di qualità. Vanno quasi tutti al risparmio, fino ad affidarsi al primo che gli promette un sito decente a due lire (euri).



Scrivi un commento

Lascia un commento a questo articolo, ti garantiamo che il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico e che non riceverai MAI spam da parte di Zaniah.

Questo sito è abilitato Gravatar. Clicca qui per creare un Avatar che comparirà ogni qual volta lascerai un commento su Zaniah.it e su tutti gli altri siti e blog che supportano la tecnologia Gravatar.

* campi obbligatori.